Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

#IDAHOT2020 #DiversityWeek – “Unioni Civili”

 

#IDAHOT2020 #DiversityWeek – “Unioni Civili”

Articolo ripreso dal wechat ufficiale
dell'Ambasciata d'Italia Pechino "ItalianEmbassy"

#IDAHOT2020 #DiversityWeek – “Unioni Civili”

unioni civili

«Era l’inizio di quel cammino duro e doloroso che negli anni Novanta intraprendevano tutti i genitori che decidevano di affrontare l’omosessualità dei figli. A differenza dei decenni precedenti, il coming out in famiglia stava diventando una realtà più frequente e, in ultima analisi, più gestibile. Dal Nordeuropa arrivavano notizie di nuove leggi per riconoscere le unioni civili tra persone dello stesso sesso, e intanto nei telefilm americani si affacciavano i primi personaggi gay. Melrose Place, lo spin-off in chiave psicopatica di BeverlyHills 90210, era stato il primo ad avere addirittura un protagonista gay. Fra l’altro l’unico non psicopatico della serie. Ma l’annuncio di una scena di un bacio tra lui e un altro ragazzo aveva sollevato proteste su entrambe le sponde dell’Atlantico e alla fine era stata tagliata».
(da: E il cuore salta un battito, di Claudio Rossi Marcelli, ed. Mondadori ebook)

#AccogliereLaDiversità

#EmbracingDiversity

#l’AmoreNonConosceRagioni

#LoveHasNoReason

#IDAHOT2020

giornata mondiale2


1706